Le elezioni presidenziali di Joe Biden vincono su Trump

Drew Angerer / Getty Images

Il candidato democratico alla presidenza Joe Biden raduna i sostenitori il 3 novembre 2020 a Filadelfia.



Anche se Trump lascerà l'incarico, probabilmente non lascerà il campo. Avrà ancora più di 88 milioni di follower su Twitter, dominerà un Partito Repubblicano che si è trasformato per adattarsi alla sua immagine e ispirerà milioni di persone che sentono appassionatamente che dà loro voce in una battaglia contro l'establishment, che si tratti di élite, governo, o altre istituzioni, compresa la scienza. Probabilmente coglierà ogni opportunità per opporsi e minare Biden.

Tuttavia, Biden sarà il presidente degli Stati Uniti, con tutto il potere ufficiale che Trump ha perso. Ha vinto una campagna combattuta che è stata storica in un modo che nessuno avrebbe potuto prevedere: COVID-19 ha forzato la chiusura radicale delle funzioni di base della società e ha interrotto la campagna a marzo. Biden ha scelto di seguire le linee guida sulla salute pubblica mentre Trump ha continuato con grandi raduni in cui i partecipanti non erano tenuti a indossare maschere – e molti in effetti non lo facevano. È stato un contrasto che Trump, che il mese scorso è stato brevemente ricoverato in ospedale dopo la diagnosi di coronavirus, sperava che Biden sembrasse spaventato, debole e incapace di attirare la folla.



Biden, tuttavia, ha reso la cattiva gestione della pandemia da parte di Trump il punto centrale della sua campagna, martellando Trump per aver ridotto al minimo il pericolo all'inizio e non riuscendo a controllarne la diffusione. Biden ha tenuto discorsi espansivi sulla crisi e su cosa sarebbe servito per riprendersi da essa, e ha modellato un comportamento sicuro osservando rigorose distanze sociali e indossando maschere in tutti gli eventi pubblici.



La natura della campagna - distaccata, impersonale - non è stata benvenuta per Biden, che ha costruito la sua carriera dagli anni '70 su un'intima connessione umana e su emozioni viscerali. La sua vita e la sua carriera sono state plasmate dal dolore, dopo che sua moglie e sua figlia sono morte in un incidente d'auto nel 1972 e poi suo figlio Beau Biden è morto di cancro nel 2015. Mentre incontrava gli elettori durante la campagna elettorale pre-pandemia durante le primarie democratiche, ha trascorreva del tempo in contatto con loro per le proprie perdite, a volte consolando le persone mentre si faceva selfie con loro. Poi, mentre centinaia di migliaia di americani piangevano i propri cari morti a causa del COVID-19, Biden è stato in grado di parlare del loro dolore.

Ci sono momenti nella nostra storia così tristi, così strazianti, che sono fissati per sempre in ognuno dei nostri cuori come dolore condiviso. Oggi è uno di quei momenti, ha detto Biden in un discorso dalla sua casa nel Delaware a maggio.

Penso di sapere come ti senti. Ti senti come se fossi risucchiato in un buco nero nel mezzo del tuo petto. È soffocante, ha detto.

Drew Angerer / Getty Images



Il candidato presidenziale democratico Joe Biden dopo la messa domenicale del 1° novembre 2020 a Wilmington, nel Delaware.

Trump, nel frattempo, ripetutamenteha incolpato il bilancio delle vittime e il numero crescente di casi COVID-19 negli Stati Uniti a una cospirazione dei media e ai suoi avversari democratici. Ha deriso indossare una maschera come politicamente corretto. È stato dopo un evento in gran parte senza maschera per presentare Amy Coney Barrett come sua nominata alla Corte Suprema degli Stati Uniti che Trump e i membri della sua cerchia ristretta hanno contratto il virus e il presidente stesso è stato ricoverato in ospedale. Nelle ultime settimane della campagna, la pandemia è esplosa in tutto il paese , con casi in aumento in quasi tutti gli stati e la regione del campo di battaglia del Midwest ha colpito particolarmente duramente.

I due candidati si sentivano spesso come se operassero in realtà alternative durante la campagna elettorale. Biden ha sottolineato il vero tributo che la pandemia ha avuto sulla vita delle persone; Trump ha minimizzato e ha sottolineato la necessità di far ripartire l'economia. Biden ha trascorso mesi isolato in casa ed è emerso solo per piccoli eventi; Trump ha tenuto manifestazioni giganti come se nulla fosse cambiato, il che in alcuni casi probabilmente portato alle epidemie di coronavirus. Ma entrambi i candidati, per quasi tutta la gara, hanno fatto la campagna su Trump. Per Trump, era la solita spinta a essere al centro dell'attenzione e a dichiararsi salvatore della nazione, riferendosi occasionalmente a se stesso come al tuo presidente preferito o paragonandosi favorevolmente ad Abraham Lincoln. Per Biden, è stata una costante invocazione dei fallimenti del presidente anche al di là del coronavirus, dal suo rifiuto di condannare inequivocabilmente i suprematisti bianchi che hanno marciato su Charlottesville nel 2017 al suo ingraziarsi gli autoritari stranieri. Biden ha invocato Charlottesville il primo giorno della sua campagna, sostenendo che stava conducendo una battaglia per l'anima della nazione. Quel tema persisteva, un toccasana per la minaccia esistenziale che Biden ha detto che Trump rappresentava, sia per la decenza dell'America che per la salute e la sicurezza.



Ma verso la fine della corsa, Trump ha provato a invertire le elezioni sul carattere di Biden, con una campagna frenetica guidata da Rudy Giuliani per coinvolgere Biden in un complotto nefasto poco chiaro in Ucraina e Cina con suo figlio Hunter (non ci sono prove che il affermazioni erano vere). Nel loro primo dibattito, Trump ha sollevato la storia della tossicodipendenza di Hunter, una strategia che non ha ottenuto molta trazione al di là dell'estrema destra. Mio figlio, come molte persone, come molte persone che conosciamo a casa, ha avuto un problema con la droga, ha risposto Biden. L'ha superato, l'ha aggiustato, ci ha lavorato e sono orgoglioso di lui.

Il secondo dibattito è stato annullato, quando Trump ha rifiutato di impegnarsi in un dibattito virtuale dopo aver contratto il coronavirus. Il terzo è stato meno frenetico ma ha fatto poco per cambiare la dinamica della gara.

Vinci Mcnamee / Getty Images

Il presidente Barack Obama con il vicepresidente Biden alla Casa Bianca il 19 dicembre 2012 a Washington, DC.

Questo era di Bidenterza corsa per la presidenza, e mentre era il leader del sondaggio nazionale per quasi tutta la gara, la campagna portava ancora una sensazione di improbabilità. La sua campagna per la nomination democratica nel 1988 si è conclusa nel 1987, tra questioni di plagio. La sua offerta del 2008 è crollata dopo una brutta esibizione nel caucus dell'Iowa, anche se quell'anno sarebbe stato eletto vicepresidente sotto Barack Obama, il primo presidente nero.

Biden ha regolarmente legato la sua eredità a quella di Obama nel campo storicamente diversificato di candidati democratici di quest'anno, che includeva più donne e persone di colore rispetto a qualsiasi precedente primaria. Quando Biden è inciampato gravemente nei caucus dell'Iowa e ha concluso un imbarazzante quinto nelle primarie del New Hampshire, sembrava che potesse crollare di nuovo. Ma Biden e i suoi consiglieri hanno sostenuto che la corsa si sarebbe svolta a suo favore nella Carolina del Sud, dove la maggioranza degli elettori democratici sono neri, e avevano ragione. La vittoria di Biden ha innescato uno sgombero di massa del campo, proprio mentre il coronavirus stava iniziando a diffondersi negli Stati Uniti. Una battaglia ideologica tra il moderato Biden e il socialista democratico Bernie Sanders si è rapidamente esaurita e Sanders ha prontamente approvato Biden, emergendo come uno dei suoi surrogati più affidabili.

Trump, durante i suoi quattro anni in carica, ha compiuto uno sforzo concertato per abrogare la legislazione e i regolamenti che hanno definito l'amministrazione Obama: protezioni per i bambini trans e di genere non conformi nelle scuole e adulti nelle forze armate, il programma DACA per i giovani portato negli Stati Uniti come bambini, protezioni contro la discriminazione abitativa e altro ancora.

Il modo in cui Biden, 77 anni, governerà è una domanda importante dopo una campagna così superata sia dalla pandemia che dall'attuale presidente. Prima della pandemia, e prima che le sparatorie della polizia a George Floyd, Breonna Taylor e Jacob Blake guadagnassero l'attenzione nazionale, Biden si appoggiava pesantemente alla sua reputazione di pragmatico più che di progressista. Ma con il moltiplicarsi delle crisi, Biden ha segnalato che sarebbe stato più aperto a cambiamenti sistemici e strutturali che non ha mai esplicitamente delineato.

I giovani progressisti americani per i quali le proteste di quest'estate sono state tra i primi movimenti politici determinanti della loro vita guarderanno ciò che Biden fa come presidente per affrontare l'insidioso razzismo istituzionale, così come le crisi come il cambiamento climatico e la violenza armata.

Non credo che l'età di Biden debba essere necessariamente il limite per lui come leader trasformativo, ma dipenderà dalle decisioni che prenderà e da chi lo dirigerà, Chokwe Lumumba, il 37enne sindaco di Jackson, Mississippi, ha dichiarato a BuzzFeed News a giugno. Non possiamo giocare sul sicuro e presumere che l'energia intorno a Donald Trump se ne andrà. ●

Maggiori informazioni sulle elezioni del 2020

  • Risultati in diretta: elezioni presidenziali, del Senato e della Camera dei rappresentantiNotizie BuzzFeed 3 novembre 2020
Argomenti in questo articolo
  1. Donald Trump